viaggi in sicilia
5mar


Racconta Tucidide che “dopo la caduta di Troia, alcuni troiani arrivarono in Sicilia dal mare“… esuli trovarono rifugio in questo lembo di terra.

Elimi furono chiamati dai Sicani, le loro città furono Segesta ed Erice; in quest’ultima, secondo Virgilio, Enea seppellì suo padre Anchise.

Si narra, anche, che su questo monte, Venere abbia allattato il figlio Cupido e che la presenza di Bellezza e Amore sia ancora oggi ravvisabile negli incantevoli panorami e nell’atmosfera ammaliante, che fa vibrare gli animi dei visitatori.I monumenti di cui si orna Erice sono: il Castello normanno di Venere; la Chiesa Matrice, edificata nel XIV secolo; la Torre Campanaria, che si erge a fianco la Chiesa, in solitaria posa di avvistamento; i Giardini del Balio, tessuti da sentieri che conducono il visitatore al bel vedere, da cui si scorge la città di Trapani, le Saline, le Isole Egadi, San Vito Lo Capo.

Meta turistica della Sicilia occidentale, Erice è uno dei luoghi che includiamo nei nostri percorsi di  istruzione, proposti  alle scuole e agli insegnanti; a tal proposito la fotogallery mostra la visita al borgo medievale da parte di un gruppo di insegnanti e Presidi associati a DISAL (Associazione di dirigenti di scuole statali e paritarie autonome e libere) e di un gruppo di studenti del Liceo “Sacro Monte ” di Varese.

Ingresso per il paradiso Prati fioriti Soffici,soffici Bocconcini di mandorle Con il cuore di vari sapori Opere d'arte Io sono leggenda

Soldati romani Tesi all'ascolto Visita alla Cattedrale di Erice ...e dietro la Cattedrale La meglio Gioventù Bel vedere Erice Torre Campanaria Erice

I giardini del balio Foto di gruppo Il Castello Normanno di erice Istituto Ettore Maiorana Passeggiando Disal Marzo 2011 Sorrisi da grammatici


comments 1 Commento

 Iscriviti alla Newsletter

Add tour comment

Nome*:

E-mail* (non verrà pubblicata):

Sito web:

Il cielo è verde o blu?

la tua risposta dimostra che sei una persona
e che il tuo messaggio non è spam

(*) campi obbligatori

Il tuo commento:


recent comments

[…] città Elima come Erice, è costretta a difendere la propria libertà guerreggiando continuamente contro Selinunte e […]

Inserito da: Segesta, la città libera e immune dei romani | aprile 09 2011 PM



  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • Diigo
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • FriendFeed
RUBRICHE
ARCHIVIO MESI

Mesi precedenti: