viaggi in sicilia
22dic


La lezione di oggi si concentra sul Natale che sta per giungere, in questa poesia della tradizione popolare ho da farvi cogliere due elementi importanti.

Il primo è la preposizione “di” che qui leggiamo “ri”.

Il secondo elemento è la parola “Cuccidratu“, che non sono riuscito a rendere in italiano perché è un nome proprio, sì è il nome proprio di un dolce della tradizione popolare siciliana.

E’ la notti ri Natali” è la poesia che ho scelto per farvi gli auguri di buone feste e l’ho scelta perchè, tra tante altre, utilizza il simbolismo del cibo, che in questo blog è un aspetto apprezzato; lo utilizza, se ci fate caso, in un  modo insolito.

Come si può pensare, infatti, di far mangiare le noci, il melograno, un dolce elaborato ad un neonato?

Tutti questi alimenti sono inadeguati, come noi di fronte il Mistero dei Misteri: il Natale; eppure, ciò che viene donato è, verosimilmente, la cosa più preziosa che questi pastori possiedono.

Auguri e non dimenticate di studiare durante le vacanze.

E’ la notti ri Natali

è la festa principali

e scinneru li pasturi

pà adurari nostru signuri.

Bambineddu ruci, ruci,

io ti portu li me nuci

ti li scacciu e ti li manci

accussì sta zittu e nun chianci.

Bambineddu ruci assai,

lu granatu ti purtai

ti lu manna la mamma mia

chi è chiu ricca ri Maria.

Bambineddu ruci e amatu

io ti portu u cuccidratu

ti lu manci in cumpagnia

ri Giuseppi e ri Maria.

E’ la notte di Natale

è la festa principale

e arrivarono i pastori

per adorare nostro signore.

Gesù Bambino dolce, dolce,

io ti porto le mie noci

te le schiaccio e te le mangi

così stai zitto e non piangi.

Gesù Bambino tanto dolce,

ti ho portato il melograno

te lo manda la mamma mia

che è più ricca di Maria.

Gesù Bambino dolce e amato

io ti porto il cuccidratu

te lo mangi in compagnia

di Giuseppe e di Maria.


comments 3 Commenti

 Iscriviti alla Newsletter

Add tour comment

Nome*:

E-mail* (non verrà pubblicata):

Sito web:

Il cielo è verde o blu?

la tua risposta dimostra che sei una persona
e che il tuo messaggio non è spam

(*) campi obbligatori

Il tuo commento:


recent comments

” u cucciddatu” in italiano sarebbe il “buccellato”, per l’appunto il tipico dolce natalizio siciliano, o ancora meglio, palermitano.
La poesia è tenera…ma di chi è?

Inserito da: valeria | ottobre 24 2012 PM


E’ un antico canto popolare l’autore non ci è noto faremo qualche ricerca grazie continua a seguirci

Inserito da: Redazione | dicembre 09 2012 PM


Si é bello

Inserito da: peta dunia satelit | ottobre 18 2016 PM



  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • Diigo
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • FriendFeed
RUBRICHE
ARCHIVIO MESI

Mesi precedenti: